fbpx

blog

I video aziendali: la check list in 7 punti prima di avviare le riprese

La creazione di video aziendali è sempre un momento importante per ogni impresa. È l’occasione per fermarsi un attimo e fare un’analisi introspettiva dei valori su cui l’azienda pianta le sue radici, degli obiettivi che si vogliono raggiungere e di ciò che si vuole comunicare all’esterno.

Creare un contenuto video di valore coinvolge molte figure all’interno dell’organizzazione e può costituire anche un elemento di forte gratificazione per le persone riprese nel filmato mentre svolgono il proprio lavoro. Inoltre, un’attività così creativa e collaborativa si rivela spesso essere una valida attività di team building: rafforza i legami e ne crea di nuovi; per esempio tra team o figure che non sono solite lavorare assieme. Può sembrarti un aspetto molto marginale e quasi sorvolabile, invece lo sviluppo e la promozione della creatività in azienda, attraverso i video aziendali, può generare una serie di benefici a lungo termine.

Il filmato ha, quindi, una valenza spiccatamente interna, ma al contempo ha l’arduo compito di proiettare verso l’esterno l’immagine e il valore dell’impresa.

Perché fare Video Marketing?

Il video marketing rappresenta una strategia fondamentale nell’era digitale. Grazie alla sua capacità di catturare velocemente l’attenzione e di mantenerla a lungo, risulta molto più efficace di contenuti come testi o immagini. Questo strumento si rivela particolarmente potente nel trasmettere messaggi complessi in maniera semplice e diretta, facilitando la comprensione del pubblico. I video aziendali, infatti, hanno il potenziale di diventare contenuti virali sui social media, ampliando notevolmente la portata di un marchio.

I video influenzano anche positivamente i tassi di conversione, poiché mostrare un prodotto o un servizio in azione attraverso un video può convincere i potenziali clienti all’acquisto con maggiore efficacia. La flessibilità di questo strumento permette inoltre di adattarlo a diversi canali digitali, come siti web e piattaforme di social media, massimizzando la sua efficacia.

Un aspetto cruciale del video marketing è la possibilità di ottenere analisi dettagliate sull’engagement del pubblico, permettendo alle aziende di ottimizzare le loro future strategie di marketing. In sintesi, la realizzazione di video aziendali non solo migliora la comunicazione con il pubblico, ma contribuisce significativamente al successo commerciale e alla costruzione dell’identità di un marchio.

 

Qualità, sincerità e fiducia

Un contenuto video si definisce di buona qualità quando, oltre alla fattura tecnica impeccabile, si integra perfettamente nella più ampia strategia di comunicazione aziendale. Quando anche il tono di voce, gli elementi grafici, il ritmo, i contenuti sono in linea con i valori aziendali.

Un video è, altresì, di qualità quando riesce a elevarsi dalla mera narrazione autocelebrativa, e riesce a trasferire un reale valore in chi ne usufruisce.

Ricorda la regola delle tre “I”. Ogni nostro contenuto video deve avere almeno una di queste proprietà: Ispirare – Informare – Intrattenere. Idealmente ogni spettatore dovrebbe essere spontaneamente motivato a condividere quel contenuto ad altre persone.

Chi guarda il nostro filmato dovrebbe essere animato da uno spontaneo moto di riconoscenza nei nostri riguardi. Ciò avverrebbe perché avremmo acceso in lui uno spunto di riflessione, gli avremmo fatto trovare una soluzione ad un problema, e magari gratificato rendendolo partecipe, direttamente o indirettamente, di un nostro contenuto.

Sentirsi capito, ascoltato e preso in considerazione, farà nascere nel nostro spettatore una sensazione di fiducia. Sembra un’emozione sottovalutata ma a pensarci bene: quanto è difficile fidarsi di degli sconosciuti al giorno d’oggi?

Moltissimo! I social e i canali multimediali si sono rivelati essere, infatti, dei validissimi strumenti sia per ingannare le persone che per aiutarle.

Già da questi semplici spunti di riflessione, emerge con estrema chiarezza come la creazione di un contenuto video sia un’attività dalle mille sfaccettature, che vanno gestite ben prima che la troupe di ripresa scenda in campo.

Lavorando in questo campo da molti anni e vedendo con i nostri occhi i risultati raggiunti dai nostri clienti, però, possiamo dire di essere in grado di scrivere una piccola ricetta su come guadagnare la fiducia di chi ci guarda.

Il segreto è avere una comunicazione semplice, sincera e utile. Uno stratagemma sempre molto efficace è quello di risolvere un problema o una necessità che affligge molte persone, così da essere percepiti come delle persone comuni, dei pari di chi ci sta guardando. Con il tempo gli utenti inizieranno ad identificarsi in noi e diventare non solo dei seguaci, ma dei veri e propri sostenitori.

In questo modo il guadagno è duplice: noi costruiamo un’audience di veri e propri fan, mentre gli utenti trovano un’azienda, un brand, una persona di riferimento nell’oscuro mondo dei social.

La costruzione di video aziendali è un processo che deve essere guidato da una regia esperta. L’intervento di un team specializzato ha l’obiettivo di far dialogare tutte le persone coinvolte e  aiutarle a giungere al punto di sintesi, che verrà poi rappresentato nel contenuto finale.

 

La check list in 7 punti

Nella tua azienda state valutando la pianificazione di contenuti di video marketing ? Abbiamo pensato di farti un regalo: una check list in 7 punti di cui tener conto, per non lasciare nulla al caso.

  1. Chiarisciti le idee: prima di coinvolgere l’agenzia o la casa di produzione fai un accurato brainstorming interno per focalizzare bene di cosa dovrà parlare il video, quali obiettivi dovrà conseguire, che linguaggio avere, ecc. Più siete chiari e meno vi costerà la fase di pre-produzione.
  2. Sinergia tra agenzie: se hai già un’agenzia esterna che si occupa di curare la comunicazione, ma la video agency fa riferimento direttamente alla azienda, assicurati che i due team lavorino in sinergia. Se non sarai sufficientemente assertivo e autorevole rischierai che le due agenzie inizino a farsi lo sgambetto tra loro!
  3. Organizzazione del fornitore: assicurati che il fornitore sia ben organizzato internamente. Idealmente, il cliente dovrebbe parlare con un’unica persona che coordina il team esterno. Se percepisci che dall’altra parte ci sia del caos organizzativo, scappa a gambe levate. Rischieresti di trovarti invischiato in uno snervante balletto di responsabilità con un progetto che non giunge mai al termine.
  4. Gestione degli imprevisti: specifica bene con il fornitore le clausole in caso di imprevisti. Ad esempio, chi paga la giornata persa in riprese esterne in caso di pioggia improvvisa? Cosa succede se dovesse rendersi necessario un giorno extra di riprese? Quanti “giri bozza” vengono accordati nella fase di montaggio? Chi è il titolare dei diritti d’autore? Quali sono i limiti di utilizzo del filmato? Vi verrà consegnata copia integrale del girato?
  5. Prepara il terreno: avvisa il personale della circostanza di riprese video. Se non desiderano essere ripresi, i dipendenti hanno il diritto di non comparire. Se il personale utilizza delle divise fai in modo che siano tutti in ordine. Lo stesso dicasi per i locali dell’azienda.
  6. Contenuti per i Social Media: nel pacchetto di servizi erogati  richiedi l’inserimento di ulteriori montaggi brevi da far eseguire in seguito ad uso canali social. Non hai idea di come potranno esserti utili.
  7. Personalizzazione: chiedi sempre di poter scegliere almeno tra 3 proposte diverse di: voci speaker, stili grafica, musiche.

E per quanto riguarda i costi? Niente paura, abbiamo preparato per te un articolo che parla proprio del budget e di quanto costa un video.

 

Ora tocca a te

Sei pronto a dare vita ad un’attività di video marketing e a narrare la tua storia in modo unico e indimenticabile? Affidati a noi per trasformare la tua visione in realtà e dare una nuova voce alla tua impresa.

Data di pubblicazione

Condividi sui social

TI potrebbe interessare...